Il 18 agosto 1946, durante l’amministrazione anglo-americana di Pola, era domenica. La spiaggia della baia di Vergarola alla periferia di Pola  era affollata di bagnanti. Improvvisamente un’esplosione (sembra che si sia trattato di 9 tonnellate di esplosivo) uccide quasi 70 persone (tra cui molti bambini) e ne ferisce ancora un centinaio.

Qualcuno parla di una fatalità, ma quasi certamente si tratta di un attentato di matrice slava contro la popolazione italiana di Pola.

Così, in dialetto polesano, il poeta Bepi Nider ricorda il fatto: 

El sol brusa le piere, tremola l'aria e vien su da l'asfalto de catrame vampade.

A Vergarola xe festa. Su le barche, bandiere, soni, canti, ridade. El mar, lucido e fermo, par de smalto. Ogi nissun, sicuro, a casa resta. Sfarfala i cuters, motoscafi cori, passa barconi pieni de mame e fioi sereni, foleti scuri come tanti mori, scherzosi, alegri come useleti (sarà presto su, in ciel, tanti angioleti)...

E tuti quanti va là, a Vergarola...

Circa le due e venti, quando tremar se senti la tera, el ciel, le case, tuta Pola.

Tremendo un rombo, 'na grande fumada, e poi da Vergarola 'na fumada nera se alza in alto e paurosa. Vetri roti...rolè sbregadi via......che disastro...che strage...Mama mia!

 E la notizia cori: dolosa...

El sol brusa le piere, tremola l'aria e vien su da l'asfalto de catrame vampade. A Vergarola la morte, a mez`asta bandiere .... Sangue...vite sfalzade...el mar xe rosso, fermo e par de smalto. Quanti i colpidi de la bruta sorte?...Un brazo qua...là do mani...'na testa...stroncadi come fiori...i fioi coi genitori... A Vergarola che tragica festa! Pica dai rami dei pini spiantadi, tochi de carne...intorno, seminadi,corpi de fioi ne le pose più strane, scrivelai, tuti storti ,poveri pici morti! Calca de gente a l'ospedal, davanti done palide, oci gonfi de pianto...spedinade....mal vestide...

Dio santo! Dove xe el picio mio?...Mia sorela?...I miei cognadi...i mi parenti tuti?...

Assasini...vigliachi...farabuti...

Maria!..Tonin!...dove xe la mia putela?...

El giorno se fa scuro...campane a morto co l'Ave Maria. In capela stivadi, da l'altar, a fianco a fianco, per tera, lungo 'l muro, riposa i masacradi...I feridi vanegia su in corsia...Vea piansendo un dolor tanto stanco...

Per i nostri morti un pensier...un adio....pei assassini...tuto vedi Idio...!...

 

Giuseppe (Bepi) Nider

 

Dagli archivi segreti inglesi (aperti nel 2008) viene svelato che la commissione d'inchiesta inglese nel 1946 aveva scoperto che responsabile della strage era l'OZNA (polizia segreta titina) ed indicava Giuseppe Kovacich (agente segreto OZNA) come uno degli esecutori materiali.

Save
Cookies user preferences
We use cookies to ensure you to get the best experience on our website. If you decline the use of cookies, this website may not function as expected.
Accept all
Decline all
Read more
Analytics
Tools used to analyze the data to measure the effectiveness of a website and to understand how it works.
Google Analytics
Accept
Decline